Liceo delle Scienze Umane


“Il percorso del liceo delle scienze umane è indirizzato allo studio delle teorie esplicative dei fenomeni collegati alla costruzione dell’ identità personale e delle relazioni umane e sociali. Guida lo studente ad approfondire e sviluppare le competenze e le abilità e a maturare le competenze necessarie per cogliere la complessità e la specificità dei processi formativi. Assicura la padronanza dei linguaggi, delle metodologie e delle tecniche di indagine nel campo delle scienze umane.” (art. 9 comma 1)

Gli studenti a conclusione del percorso di studio dovranno:

­       aver acquisito le conoscenze dei principali campi d’indagine delle scienze umane mediante gli apporti specifici e interdisciplinari della cultura pedagogica, psicologica e socio-antropologica;

­       aver raggiunto, attraverso la lettura e  lo studio diretto di opere e di autori significativi del passato e contemporanei,  la conoscenza delle principali tipologie educative, relazionali e sociali proprie della cultura occidentale e il ruolo da esse svolto nella costruzione della civiltà europea;

­       saper identificare i modelli teorici e politici di convivenza, le loro ragioni storiche, filosofiche e sociali, e i rapporti  che ne scaturiscono sul piano etico-civile e pedagogico-educativo;

­       saper confrontare teorie e strumenti necessari per comprendere la varietà della realtà sociale, con particolare attenzione ai fenomeni educativi e ai processi formativi, ai luoghi e alle pratiche dell’educazione formale e non formale, ai servizi alla persona, al mondo del lavoro, ai fenomeni interculturali;

­       possedere gli strumenti necessari per utilizzare, in maniera consapevole e critica, le principali metodologie relazionali e comunicative, comprese quelle relative alla media education.

Il Liceo delle scienze umane “G. Leopardi” di Cingoli


La scuola superiore di Cingoli è stata istituita come Istituto Magistrale “Dante Alighieri” con delibera del Consiglio Municipale del 21 giugno 1953.

La struttura era quella disegnata dalla Riforma Gentile del 1923: il curriculum aveva durata quadriennale e un carattere prevalentemente umanistico.

Nel 1988 l’Istituto Magistrale è diventato sezione staccata del Liceo Classico G. Leopardi di Macerata. Al corso quadriennale tradizionale si è aggiunto un percorso curricolare rinnovato attraverso la sperimentazione autonoma di progetti formativi di durata quinquennale, orientati verso le scienze dell’educazione e una più ampia formazione scientifica.

Nel 1993 l’Istituto ha adottato i piani di studio del progetto Brocca, trasformandosi in Liceo Socio-psico-pedagogico.

Oggi il liceo è denominato, ai sensi della riforma Gelmini, Liceo delle scienze umane e, insieme al Liceo linguistico, rappresenta per il territorio un importante riferimento formativo, in costante e proficuo rapporto con le altre istituzioni scolastiche e culturali.

I nuovi programmi prevedono lo studio delle scienze umane caratterizzanti il corso:

‐ la Psicologia è lo studio dell’attività psichica che costituisce la radice del comportamento umano;

‐ la Sociologia studia la vita sociale di individui, gruppi e società;

‐ la Pedagogia è la scienza che studia i processi di formazione (istruzione e educazione) della persona;

‐ l’Antropologia è lo studio dei fattori culturali e geografici che determinano i   processi di adattamento dell’ uomo all’ ambiente e le conseguenti  differenze tra i popoli.

Una Scuola per conoscitori dell’ Uomo


Il Liceo delle scienze umane è una scuola per chi si orienta con i linguaggi propri delle scienze umane nelle molteplici dimensioni attraverso le quali l’uomo si costituisce in quanto persona e come soggetto di reciprocità e di relazioni: l’esperienza di sé e dell’altro, le relazioni interpersonali, le relazioni educative,le forme di vita sociale e di cura per il bene comune, le forme istituzionali in ambito socio-educativo, le relazioni con il mondo delle idealità e dei valori.

L’insegnamento pluridisciplinare delle scienze umane, da prevedere in stretto contatto con la filosofia, la storia, la letteratura, mette lo studente in grado di:

1)     padroneggiare le principali tipologie educative, relazionali e sociali proprie della cultura occidentale e il ruolo da esse svolto nella costruzione della civiltà europea;

2)     acquisire le competenze necessarie per comprendere le dinamiche proprie della realtà sociale, con particolare attenzione ai fenomeni educativi e ai processi formativi formali e non, ai servizi alla persona, al mondo del lavoro, ai fenomeni interculturali e ai contesti della convivenza e della costruzione della cittadinanza;

3)     sviluppare una adeguata consapevolezza culturale rispetto alle dinamiche degli affetti.

Una scuola attiva e dinamica


Lo studio delle scienze umane non si limita ad un approccio teorico, ma richiede una didattica innovativa che, mediante l’utilizzo sistematico di risorse digitali, pone lo studente al centro del percorso di apprendimento, partecipe attivo e consapevole del proprio percorso formativo.

Accanto alle ricerche classiche sono svolte esercitazioni pratiche, anche in campo economico-sociale e antropologico, sia di tipo quantitativo sia qualitativo, per uno sguardo nuovo sulla formazione dell’ individuo, sui gruppi, le società e le culture, sulla famiglia, sulle strutture di potere e le forme di governo, con particolare attenzione alle politiche sociali e del Welfare state.

Particolare attenzione è riservata a temi di stretta attualità, come la disuguaglianza e diversità, il mondo globalizzato e la società multiculturale, i linguaggi e i mezzi di comunicazione di massa, nonché le nuove problematiche educative.

Il Liceo delle scienze umane 2.0


Nella nostra scuola un uso appropriato delle tecnologie didattiche è essenziale per preparare studenti competenti del XXI secolo.

Tutte le nostre aule sono dotate di connessione Internet e di Lavagne Interattive Multimediali, che consentono una didattica innovativa e motivante, grazie all’utilizzo dei libri digitali e delle potenzialità della Rete.

Il registro elettronico permette alle famiglie di visionare in tempo reale assenze, comunicazioni, voti, argomenti delle lezioni e compiti assegnati.

Attraverso il quaderno elettronico gli studenti possono rivedere da casa le spiegazioni degli insegnanti e prelevare i materiali didattici forniti, oltre che inviare i loro lavori.