Liceo linguistico


“Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali. Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità, a maturare le competenze necessarie per acquisire la padronanza comunicativa di tre lingue, oltre l’italiano e per comprendere criticamente l’identità storica e culturale di tradizioni e civiltà diverse” (art. 6 comma 1)

Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno:
  • avere acquisito in due lingue moderne strutture, modalità e competenze comunicative corrispondenti almeno al Livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento;
  • avere acquisito in una terza lingua moderna strutture, modalità e competenze comunicative corrispondenti almeno al Livello B1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento;
  • saper comunicare in tre lingue moderne in vari contesti sociali e in situazioni professionali utilizzando diverse forme testuali;
  • riconoscere in un’ottica comparativa gli elementi strutturali caratterizzanti le lingue studiate ed essere in grado di passare agevolmente da un sistema linguistico all’altro;
  • essere in grado di affrontare in lingua diversa dall’italiano specifici contenuti disciplinari;
  • conoscere le principali caratteristiche culturali dei paesi di cui si è studiata la lingua, attraverso lo studio e l’analisi di opere letterarie, estetiche, visive, musicali, cinematografiche, delle linee fondamentali della loro storia e delle loro tradizioni;
  • sapersi confrontare con la cultura degli altri popoli, avvalendosi delle occasioni di contatto e di scambio.

Il Liceo linguistico “G. Leopardi”


Il 3 ottobre 2011 è stato inaugurato a Macerata il Liceo linguistico, presso la sede del Liceo classico G. Leopardi” in Corso Cavour. All’inaugurazione del nuovo corso erano presenti i ragazzi che si accingono allo studio della lingua cinese. La prolusione è stata affidata al prof. Filippo Mignini, conoscitore profondo della civiltà cinese, che ha saputo alimentare, fra l’altro, la curiosità fra i giovani studenti ed ha evidenziato come la lingua, oltre al valore  che reca in sè, è lo strumento principe per confrontare cultura orientale ed occidentale.
L’Istituto, che alla nascita prevedeva le opzioni di lingua cinese e francese, ha registrato nel corso di questi anni un significativo aumento delle iscrizioni ed ha aggiunto le opzioni di lingua spagnola e tedesca. Attualmente il piano di studi prevede le  seguenti opzioni:

Inglese-francese-cinese

Inglese-spagnolo-cinese

Inglese-francese-tedesco

  • L’inglese è la lingua veicolare in tutto il mondo ed è un’opzione obbligatoria.
  • Lo spagnolo è parlato in 44 paesi da circa 329 milioni di nativi, è una lingua fondamentale per tutto i paesi del mondo ma soprattutto per gli italiani, vista la vicinanza geografica della Spagna e il numero degli scambi economici tra le due nazioni
  • Il francese è di sicuro tra le 15 lingue più parlate nel mondo ed è une delle lingue ufficiali dell’Unione Europea. La Francia, oltre ad essere un paese confinante, è il secondo importatore di prodotti italiani: inoltre tra i francesi la conoscenza dell’inglese non va data per scontata.
  • Il tedesco è parlato da circa 90 milioni di persone nel mondo ed è la lingua madre più diffusa in Europa. La Germania inoltre è il nostro primo partner commerciale.

Unico liceo delle Marche con il cinese curricolare


La Cina  di anno in anno consolida la sua enorme crescita e il suo statuto di super potenza economica. Se geograficamente è lontana dallo Stivale, essa tuttavia arriva terza nella classifica del nostro import e ottava per l’export: in futuro dovremmo sempre più parlare cinese per lavorare con questo importantissimo partner economico. Il cinese è, inoltre, la lingua più parlata al mondo (per numero di madrelingua): è evidente che acquisire una competenza linguistica in lingua cinese consente di arricchire in modo significativo il proprio curriculum, soprattutto ove si consideri che il Liceo G. Leopardi è l’unico Liceo delle Marche che offre questa possibilità.
Nel suo percorso formativo il liceo si avvale del supporto e dell’attiva collaborazione dell’Istituto Confucio, il quale, nato dalla collaborazione tra l’Università di Macerata, l’Università Normale di Pechino e l’Hanban, l’ufficio per la promozione della lingua e della cultura cinese del Ministero dell’Istruzione Cinese, si propone come luogo di incontro tra la cultura cinese e quella italiana.

Una Scuola per personalità senza frontiere


Il Liceo linguistico è la scuola per chi vuol diventare cittadino del mondo: un mondo che sarà sempre più vivo e senza frontiere e nel quale solo una conoscenza profonda e stabile delle lingue permetterà di vivere, lavorare e operare attivamente. Studiare lingue e culture straniere amplia la riflessione sulla propria lingua e sulla  propria cultura, sviluppa una coscienza  cosmopolita per orientarsi nella complessità della dimensione interculturale, rinforza l’autonomia e le capacità  relazionali . Inoltre il curriculum del Liceo Linguistico sviluppa una solida preparazione non solo nell’ambito umanistico, ma anche nell’ambito tecnico-scientifico, garantendo così l’accesso a qualsiasi facoltà universitaria. Infine l’inserimento nella realtà produttiva è garantito dalle solide competenze linguistiche direttamente spendibili sul mercato del lavoro nei seguenti settori: traduttori ed interpreti, editoria, congressi, meeting, comunicazione e mediazione linguistica e culturale con sbocchi nel settore diplomatico, operatore beni culturali, operatore per il turismo, marketing e pubblicità.

Una scuola attiva e dinamica


La Competenza linguistica non si acquisisce soltanto “sui libri”, ma richiede una didattica innovativa, che pone lo studente al centro del percorso di apprendimento, partecipe attivo e consapevole del proprio percorso formativo.

La lezione prevede l’utilizzo sistematico  di risorse digitali e del laboratorio linguistico, per promuovere  la funzione prioritaria del linguaggio che è la comunicazione, attraverso una metodologia situazionale - comunicativa, idonea a sviluppare la decodificazione, la produzione scritta e orale della lingua straniera.

È  prevista la presenza, accanto al docente istituzionale, di un docente di conversazione madrelingua, che promuoverà l’acquisizione di  strategie e competenze per rafforzare la capacità di dialogare in lingua e stimolerà la conoscenza e il confronto tra culture.

Durante ogni anno scolastico gli alunni avranno la possibilità di sperimentare l’uso della lingua in contesti reali e  significativi e di approfondire la conoscenza di culture diverse attraverso la partecipazione a scambi, gemellaggi, soggiorni studio, sia in Stati europei, che extraeuropei.

Particolare attenzione viene rivolta all’acquisizione delle certificazioni linguistiche internazionali che  attestano il grado di conoscenza di una lingua straniera in conformità al Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue approvato dal Consiglio d’Europa. Esse in ambito lavorativo contribuiscono ad arricchire il curriculum e a favorire l’inserimento nel mondo del lavoro, mentre in ambito universitario  garantiscono dei crediti formativi e agevolano chi intende proseguire gli studi all’estero. Il nostro Istituto organizza corsi pomeridiani di potenziamento linguistico in preparazione alle Certificazioni Linguistiche Internazionali, tenuti da docenti di lingua straniera con esperienza pluriennale e da docenti madrelingua qualificati. Vengono proposte Certificazioni in lingua inglese, francese, tedesca, spagnola, cinese.

 Il Linguistico 2.0


Nella nostra scuola un uso appropriato delle tecnologie didattiche è essenziale per preparare studenti competenti del XXI secolo.

Tutte le nostre aule sono dotate di connessione Internet e di Lavagne Interattive Multimediali, che consentono una didattica innovativa e motivante, grazie all’utilizzo dei libri digitali e delle potenzialità della Rete.

Il registro elettronico permette alle famiglie di visionare in tempo reale assenze, comunicazioni, voti, argomenti delle lezioni e compiti assegnati.

Attraverso il quaderno elettronico gli studenti possono rivedere da casa le spiegazioni degli insegnanti e prelevare i materiali didattici forniti, oltre che inviare i loro lavori.