Per i giovani allievi diplomati – Esami di Stato 2020


immagineDa marzo non c’è più nessuno e ora che anche l’anno scolastico si è concluso un silenzio ininterrotto è piombato nelle aule rabbuiate dalle imposte, i corridoi nascondono l’abbandono dietro le volte che aprono su altri corridoi, deserti.

C’è un’estate infinita là fuori.

Ve la siete guadagnata: è il vostro premio, avete studiato per questo, per arrivare a questo traguardo.

E se, qualche volta, vi assalirà il rimpianto del tempo passato tra i banchi di scuola, degli amici e dei maestri incontrati, ricordatevi: indietro non si torna, c’è un’unica direzione obbligata… andare avanti.

E’ per questo che avete trascorso questi anni in un viaggio pieno di studio e denso di avvenimenti.

Ed ora, in questo silenzio, che fare?

Forse preparare un altro viaggio è una buona idea.

Intanto raccogliete le emozioni, gli appunti, la conoscenza che la tappa precedente ha suscitato.

Se è vero che anno dopo anno si erge un monumento fatto di voci, letture silenziose, menti che si levano per guardare sempre un po’ oltre, allora abbiamo raggiunto lo scopo: prepararvi ad affrontare la vita, ma con un desiderio a cui la poesia di un anonimo che mi è balzata agli occhi, viaggiando nella rete, ha dato corpo.

 

Vorrei che fosse un abbraccio,

intenso tra perfetti sconosciuti.

Vorrei che fosse un modo per sentirsi meno soli.

 Vorrei fosse un in bocca al lupo,

a chi viaggia su sentieri ai miei paralleli.

Vorrei che fosse un’intensa folata di vento,

per chi perso tra i mari non perda speranza.

Vorrei fosse una rinfrescante pioggia

che come alla terra arida anche te disseti.

Vorrei che queste poche righe,

aiutassero qualcuno, come a me altri hanno fatto.

Ed io vorrei che fosse un mondo migliore quello che voi costruirete, con l’aiuto che noi persone di scuola vi abbiamo dato.

 

La Dirigente Ufficio Scolastico di MC

Carla Sagretti