UNA GIORNATA RICCHISSIMA DI EVENTI AL LICEO LEOPARDI CON “VIVE LA FRANCE”


Festa dell’Europa anche al Liceo Leopardi di Macerata, sabato 12. Una grandissima partecipazione di studenti e di adulti ha sancito il successo di VIVE LA FRANCE, una manifestazione nata dagli insegnanti di francese del linguistico e portata avanti dalla scuola guidata dalla dirigente Annamaria Marcantonelli: “VIVE LA FRANCE  è stata un’idea meravigliosa che ha avuto un grande seguito di interesse, dove l’idea di un insegnante è stata il lievito per mettere insieme tutte le anime del nostro istituto, comprendendo anche il classico, con la finalità, riuscitissima, se guardiamo le presenze e gli attestati di apprezzamento, di far avvicinare i ragazzi e gli adulti alla lingua ed alla cultura francese attraverso momenti di intrattenimento leggeri, ma densi di significato. Un’occasione veramente ben sfruttata e valorizzata in ogni suo aspetto, dal mattino alla notte”.

Rispondono al vero le parole della preside che ha seguito da vicino tutti gli eventi. Presenti anche le istituzioni: l’assessore vice sindaco Stefania Monteverde, molto vicina al liceo in tante manifestazioni ha sottolineato la peculiarità e l’importanza di giornata simili. Poco prima anche l’assessore Federica Curzi, in contatto col liceo per la festa dell’Europa, ha avuto modo di intervenire per sottolineare l’importanza delle lingue e culture europee che debbono sempre più incontrarsi e conoscersi; ma soprattutto accettarsi, pur nella loro diversità che va letta come ricchezza.

Fin dal mattino il liceo è stato teatro di appuntamenti ed atelier: i primi ospiti sono stati i ragazzi delle scuole medie Fermi e Convitto, con i loro prof, che hanno visitato il liceo e partecipato alle varie iniziative loro riservate; oltre ai prof di francese, sono stati soprattutto gli studenti del quarto anno del linguistico a far loro da tutor e a spiegare loro la grande magia dell’apprendimento delle lingue; poi i circa cento studenti sono diventati spettatori attenti e curiosi dello spettacolo UNE FONTAINE DE FABLES, autentica novità anche per le attività teatrali del nostro istituto. Infine agli insegnanti sono stati consegnati diversi volumetti di autori francesi (messi a disposizione dalla rappresentanza editoriale Teach and Tech e da Hachette) destinati alla loro biblioteca di istituto.

Il pomeriggio ha debuttato ancora con la performance teatrale, UNE FONTAINE DE FABLES (testo ispirato alle favole di La Fontaine) presentato dagli studenti del liceo (Simona Del Medico, Gaia Giustozzi, Matilde Maracci, Matteo Ortolani, Elisa Re, Angelica Nicole Ricca e Leonardo Sperandini), guidati da Francesco Facciolli e accompagnati dalla fisarmonica di Maria Emilia Corbelli.

Uno spettacolo difficile, molto apprezzato anche dal pubblico del pomeriggio (tre repliche) per la sua eleganza e la sua leggerezza. Bellissime le maschere utilizzate dai ragazzi, create da Pino Facciolli.

 Il programma degli appuntamenti è stato rispettato pienamente, con una serie di conferenze ed atelier molto partecipati:  Raffaella Lattanzi e Dante Guglielmi, “La favola da Esopo a Fedro fino a La Fontaine”; Gabriella Almanza Ciotti, Università di Macerata  “Passeggiata storica e linguistica dalle origini del francese al Secolo d’oro”; Dante Guglielmi, “Partie d’échecs jouée en simultanée, artistiquement décorée” all’interno dell’istituto; Enzo Nardi, “La chanson française, atelier”;  Patrizia Zega, “Atelier sur les vins français avec dégustations” (apprezzatissimo e affollatissimo); Alessandro Farinelli, “La filosofia del Grand Siècle: una riflessione critica da Cartesio a Pascal”.

Ha concluso la giornata il concerto MA LIBERTÉ con Enzo Nardi, cantautore, accompagnato da Marco Ferrara (Piano); Maurizio Moscatelli (Sax e Clarinetto); Alfredo Laviano (Batteria); Davide Padella (Contrabbasso). Prima di loro si sono esibiti Antonio Zampa (Flauto traverso) Franco Alfonsi (Clarinetto); Benedetta Nasini (Violino) e Francesco Caranti (tastiere). Ha condotto tutta la manifestazione Alvin Crescini, personaggio dotato di grande carisma e professionalità. Il cortile del liceo, la cui facciata era stata illuminata con i colori della bandiera francese, ha accolto più di un centinaio di spettatori, complice anche la rasserenata condizione meteo ed i passanti in corso Cavour che si sono fermati attirati dallo spettacolo.

 Tanti i professori coinvolti, primi fra tutti gli insegnanti di francese (Fabio Macedoni, Sylvie Bartoloni, Anna Maria Mazza, Stéphanie Delaubert e Silvia Baldassarri; oltre a quelli già citati vanno segnalati: Carlo Giuttari, Adriano   Menchi, Francesca Pagnanelli, Martina Pesaresi e Lorenzo Raffo; ma è stata una collaborazione stretta pure con tanti altri insegnanti di altre discipline, proprio in quello spirito di manifestazione di istituto che ha contraddistinto l’organizzazione.

D’altronde la Festa dell’Europa non si potrebbe celebrare meglio che in un liceo linguistico dove gli studenti, già da tempo, percorrono le rotte delle nazione europee di cui studiano lingua e civiltà.

VIVE LA FRANCE è stata possibile anche grazie al sostegno economico di Teach and Tech Rappresentanze editoriali, Infissi Design, Oro della Terra e Centro Commerciale Valdichienti.

sdr sdr dav ozedf ozedf ozedf IMG-20180512-WA0011 IMG-20180512-WA0019 oznor sdr cof cof cof